Indicatori Trading

In economia in generale, e nel trading in particolare, ogni azione effettuata per conseguire un guadagno è frutto di attente e studiate strategie per opzioni binarie. Per metterle in pratica è utile conoscere alcuni indicatori atti a guidare sia i trader più esperti che quelli alle prime armi verso il complesso mondo della finanza, interpretando al meglio i movimenti di mercato e raggiungendo la massima resa possibile attraverso le opzioni binarie.

Indicatori di trading in opzioni binarie

Innanzi tutto occorre chiarire che affrontare il trading in opzioni binarie significa seguire scrupolosamente l’andamento del mercato, in modo da ottenere profitti regolari dovuti a un sufficiente numero di posizioni chiuse in positivo, ovvero che hanno effettivamente generato un profitto. Le tendenze da seguire nel mercato sono principalmente di due tipi: la rally (rialzista) e la comedowntrend (ribassista). Sarebbe, tuttavia, alquanto riduttivo circoscrivere i movimenti di mercato al solo asse verticale appena descritto, e poco proficuo, inoltre, non tener conto delle fasi laterali, le cosiddette fasi di flat market o trandless durante le quali il valore resta quasi stabile e non presenta tendenze sul mercato.

Va precisato, poi, che le categorie di trend vanno distinte anche per durata: breve termine (tre settimane), intermedio (tra le tre settimane e alcuni mesi), lungo termine (non meno di un anno).

Esempio di tendenza rialzista

Grafico esempio tendenza rialzista

Grafico esempio tendenza rialzista

Esempio di tendenza ribassista

Grafico esempio tendenza ribassista

Grafico esempio tendenza ribassista

Esempio di fase laterale

Grafico esempio fase laterale

Grafico esempio fase laterale

Tenendo presente quanto detto finora, lo studio di un grafico non basta da solo a comprendere l’andamento del mercato, ma può diventare un utile alleato per conoscere i movimenti oscillatori dei prezzi soprattutto se abbinato all’indicatore tecnico giusto.

Indicatori di trading che ti aiutano ad analizzare il trend

Se l’oscillatore viene tracciato al di fuori del grafico principale, l’indicatore è invece interno al grafico stesso, e ha il compito di rappresentare l’andamento del cross e si manifesta secondo tre tipi diversi, che possono essere usati in combinazione tra loro per aumentare le probabilità favorevoli di un investimento.

1. Bande di Bollinger

È uno dei più intuitivi per comprensione tra i vari indicatori in quanto costituito da tre curve che si muovo e modificano la propria forma in altezza o larghezza in base ai movimenti dell’asset nel mercato, ovvero se questo risulta essere stato iper-comprato o iper-venduto in base alla sua media. Osservando queste fasi è più facile generare un inversione e il segnale di trading si ottiene quando il prezzo tocca una delle due bande più esterne, quelle appunto di iper-comprato o iper-venduto.

Grafico Bande di Bollinger

Grafico Bande di Bollinger

2. Oscillatore RSI

l’Oscillatore RSI Relative Strenght Index. Pur mostrando gli stessi segnali delle bande di Bollinger si presenta con una grafica diversa e più precisa: una sola curva che oscilla i suoi picchi di rialzo o ribasso legati all’iper-comprato e all’iper-venduto definiti da due rette parallele che contengono appunto tale curva. Il valore assunto dalla curva oscilla solo tra 0 e 100 e una volta oltrepassate le limitazioni imposte dalle rette di vendita o acquisto si può ricavare il momento esatto in cui conviene attivarsi sul mercato.

Grafico RSI

Grafico RSI

Un accorgimento utile per la massima resa ottenibile da questo indicatore è considerare che meno periodi standardizzati presenta, più preciso sarà il valore che la curva assume, in quanto la reazione dell’RSI è inversamente proporzionale ai valori.

L’adeguatezza di un sistema quale l’RSI sta nella sua ottimizzazione delle previsioni di mercato: se la curva tocca una della due linee di iper-comprato o iper-venduto è più semplice calcolare il momento in cui si effettuerà un’inversione di tendenza.

3. MACD

Moving Average Convergence Divergence. Grazie alle sue particolari caratteristiche quali il lavoro combinato con la piattaforma MetaTrader e la presenza della signal line automaticamente calcolata, risulta essere uno degli indicatori più utili per il trading online.

Calcolo:
– Distinguere due EMA (Esponential Moving Average), uno corto con valore 12 giorni e uno lungo con valore 26 giorni;
– Calcolare il moving average che genera 9 periodi, l’ultimo è la signal lin.

Riassumendo, abbiamo quindi due linee:
MACD = EMA12 – EMA26 (dove EMA sta per media mobile esponenziale)
Signal Line = EMA9[MACD] (ovvero una media mobile esponenziale della linea di MACD).

Interpretazione:
Poiché il MACD è più veloce rispetto alla linea di segnale nel rilevare le variazioni di prezzo più recenti, è possibile sapere che se il MACD attraversa la signal line si avrà un moving average più immediato, 12 giorni, rispetto al moving average più lento, quello dei 26; viceversa se il MACD è inferiore alla signal line.

Conclusioni

Per concludere è bene tener presente altre due cose. La prima è che se si utilizzano i tre indicatori contemporaneamente, per il trading online in special modo, è necessario interpretare i grafici e le curve in modo che diano le stesse previsioni, per muoversi nel mercato conoscendo gli andamenti dei prezzi o il momento più adatto per intraprendere un’azione.

La seconda è che, per quanto gli indicatori forniscano un validissimo aiuto ai fini del trading, l’esperienza personale e soprattutto l’intuito vanno sempre tenuti in considerazione, anche perché la valutazione del rischio e le capacità per affrontarlo, eventualmente, non sono valori che gli indicatori sopra descritti sono in grado di calcolare.

Migliori Broker Trading Binario testati dal Nostro Staff

Tutte le piattaforme presenti nella lista sono state testate del nostro Staff composto da Traders professionisti ed analisti finanziari.

BrokerRecensione*Caratteristiche*Fai Trading
#1Stockpair
Recensione Stockpair
Recensione Stockpair
Bonus del 100%!*
Deposito: 250,00$
Profitto: 85%*
Bonus del 100%!*
Bonus Esclusivo!

Attiva il Bonus!
Visita il Broker
#2BDSwiss
Recensione BDSwiss
Recensione BDSwiss
Sicuro e Affidabile!
Deposito: 100,00€
Profitto: 89%*
Conto Vip Gratis
Esclusivo!

Iscriviti Ora!
Visita il Broker
#3IQoption
Recensione iqoption
Recensione 24option
Conto Demo!
Deposito: 10€
Profitto: 91%*
Milioni di
trader in tutto
il mondo!

Vai al Broker!
Visita il Broker
#424option
Recensione 24option
Recensione 24option
Segnali Gratuiti!
Deposito: 250,00$
Profitto: 88%*
Broker più
utilizzato
al mondo!

Vai al Broker!
Visita il Broker
#5Broker ETX capital
Recensione ETX capital
Recensione ETX capital
Rischi limitati!
Deposito: 200,00$
Profitto: 85%*
Piattaforma
facile e intuitiva!

Vai al Broker!
Visita il Broker

*Si applicano termini e condizioni del Bonus | Gli investitori possono perdere tutto il loro capitale da trading di opzioni binarie.

*Importo da accreditare a conto in caso di commercio di successo.

N.B.:Tutti I Brokers elencati sono certificati e autorizzati in Italia dalla CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission).

*Legalità: Licenze e Autorizzazioni del Broker, CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission).
*Vantaggi e Bonus: Vantaggi o Bonus progressivi che offrono i Broker al primo deposito per Bonus si intendono Bonus pendenti.
*Guadagno: il valore percentuale massimo di guadagno che i Brokers offrono nel caso di negozio “In The Money”.
*Deposito minimo: l’importo del deposito minimo o il deposito minimo accettato dal broker per aprire un conto reale.
*Trade minimo: Il valore minimo di denaro accettato dal broker per aprire una transazione di mercato.
*Conto Demo: I Brokers elencati una volta effettuato il primo deposito permettono di negoziare con un conto demo, senza soldi veri.